Saras: per alimentare la tolleranza occorre dare un chiaro segnale

Nel rinnovare l'auspicio che tutte le industrie petrolifere del mondo vengano presto chiuse e riconvertite nell'ambito di processi di diversificazione energetica, con uso di energie alternative rinovvabili ci si domanda per quale motivo la Saras, almeno in questa fase, non pratichi una politica di abbattimento dei prezzi al consumo dei suoi prodotti per la vendita in Sardegna.

Tutto questo, oltre che costituire una sorta di indennizzo che, per quanto fatto, non potrà mai compensare il danno arrecato, potrebbe quanto … Continue Reading ››

Un Papa davvero “prezioso”

Gli amici del CIVS che insieme alla nostra associazione e a tante altre danno vita al mercatino domenicale chiamato "Piazza della solidarietà" ci hanno segnalato una circostanza affatto marginale in merito alla imminente visita del Papa a Cagliari.

Ecco il quesito:

 

"Mi è venuta spontanea una serie di domande da porre a noi della "Piazza": - chi ha pagato il kilo d'oro alla Gold Mining e le gemme servite per realizzare il "Calice" che i Sardi (quali?) doneranno al Papa? - quanto il piccolo dono da offrire all'ospite è costato ad ognuno dei sardi? - che … Continue Reading ››

La Sardegna vista dall’altra parte: una storia di cicche e rifiuti

 

Da un amico di Sardegna (R.P.) riceviamo e volentieri pubblichiamo, anche perchè condividiamo "in toto" quanto da lui segnalato.

Se avete da dire qualche cosa in argomento fatevi sentire, usate questo blog!

Un cordiale saluto a tutti

Roberto Copparoni

 

Sono ambientalista e per giunta di origine sarda.Ogni hanno vengo in  vacanza e a malincuore noto come sempre di più vi sono spiagge sporche  di cicche, anfratti, come a capo comino invasi da rifiuti (plastica,  carte, bottiglie).Lungo le strade, ovunque, forse si salvano alcuni  centri di montagna, invase da rifiuti.Per esempio quest'anno ero a Orosei e … Continue Reading ››

Il pino del Papa

 

In relazione all'imminente visita del Papa a Cagliari, si lamenta l'abbattimento di uno dei pini del colle di Bonaria, determinato da esigenze televisive.

Per fare una trasmissione, per quanto solenne possa essere ci vogliono alcuni giorni, per un albero come quello che è stato abbattuto ci sono voluti 40 anni.

Certo, riduttivamente potrà sempre dirsi: "un albero vale meno del Santo Padre".

Ma non è questo il modo corretto di porre il … Continue Reading ››