Potenziare i rapporti tra il Nord Africa e la sardegna

Ieri sera si è tenuto un interessante incontro organizzato dalla Rete Sarda della Cooperazione Internazionale presso l’Hostel Marina a Cagliari. Da quanto emerso risulta che la Sardegna è molto più vicina all’Africa del Nord rispetto a quanto di possa immaginare…

nell’ambito del progetto Sardinprogress della Rete Sarda della Cooperazione internazionale, finanziato dalla Fondazione di Sardegna ieri sera si è tenuto il II dei seminari organizzati sul tema. Conoscenza, dialogo e confronto fra culture, il progetto di promozione della conoscenza delle culture presenti in Sardegna. L’evento sarà dedicato alla conoscenza Maghreb e delle sue culture. Durante la serata visono state delle proiezione di materiale multimediale e degustazione di cibi tipici.

 Il progetto consiste in un ciclo incontri sul territorio dell’isola dedicati alla scoperta delle culture straniere presenti nella nostra Regione. Gli incontri, realizzati con la collaborazione dei migranti residenti in Sardegna, sono gratuiti e aperti alla comunità locale. Una particolare attenzione è stata riservata all’artigianato e alle tradizioni locali, autentici linguaggi universali che favoriscono la comprensione tra popoli e culture.

Nel corso della serata sono intervenuti diversi operatori fra cui:

Michele Demontis, presidente della Rete Sarda della Cooperazione internazionale, Roberto Copparoni presidente di Amici di Sardegna, Veronica Polizza studentessa di lingua araba che ha presentato il l Maghreb, Hamed Naciri  che ha parlato dell’Algeria, Imen Ben Attia che ha parlato della Tunisia, Sara Naciri che ha parlato del Marocco, Antonello Pranteddu Presidente della CASCOM che da anni collabora con varie Istituzioni per rendere proficue le relazioni con i Paesi del Nord Africa.

Da quanto è emerso si ritiene che la Sardegna debba cercare di potenziare prima di tutto i collegamenti con il Nord Africa e favorire gli scambi e gli aiuti fra i diversi Paesittransfrontalieri della costa meridionale del Mediterraneo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *