Celentano e l’ambiente

La foto è stata scattata pochi mesi fa’ nell’area SIC della Unione Europea

Cagliari – Laguna di Santa Gilla

 

 

 

 

Meno male che c’è Celentano che parla di ambiente

 

Fra qualche giorno il circo mediatico punterà i riflettori su Adriano Celentano che con le consuete sceniche anticipazioni ad effetto riuscirà a fare il pieno di ascolti anche per questa volta.

Fra una battuta troppo seria per essere demenziale ed una troppo demenziale per essere credibile, ecco che le verità di tutti i giorni saranno rilette dal "supermolleggiato" per sembrarci, quasi per incanto, importanti e persino drammatiche.

Per molti sarà forse anche la prima volta che conosceranno il degrado della nostra società

E così si scoprirà che l’ambiente è inquinato, che gli alimenti sono sempre più transgenici, che le guerre uccidono le speranze di democrazia, che la giustizia non è equa, che i ricchi sono sempre più ricchi, che il nord è diverso dal sud e che basterebbe consumare un po’ di meno per vivere meglio tututti.

Tutto vero.

Ma per crederci abbiamo bisogni di sentircelo dire da Adriano Celentano?

Certo "repetita iuvant", ovvero giova ripetere, ma senza far diventare cose drammatiche e serie, in egocentriche manifestazioni da baraccone da avanspettacolo mediatico serale che, più che appagare i nostri sensi, dovrebbero farci crescere e coinvolgere sul campo.

Oppure, basterebbe vivere con un po’ più di coerenza e di sensibilità verso l’ambiente umano e l’ambiente naturale?

Se una parte dei soldi spesi per realizzare questi mega spettacoli venisse utilizzata per bonificare i nostri territori "dagli inferi alle stelle" come dicevano i latini, si otterrebbe senza ombra di dubbio un risultato migliore.

Certo non vogliamo che questa iniziativa fosse, ancora una volta, fatta propria dalle solite associazioni ambientaliste di regime, che da anni gestiscono il problema in ottica prevelentemente autoreferianziale, ma vorremmo che essa fosse svolta dalle popolazioni che volontariamente potrebbero dedicare alcune ore settimanali per attuare questo semplice progetto.

Pensate se i condomini, le classi, le parrocchie, i circoli, le associazioni, gli enti territoriali, le organizzazioni professionali e di categoria, i sindacati si attivassero, tutti in tal senso e verso un’unica direzione, senza bandiere, tessere e striscioni di appartenenza.

Certo ci sarà un po’ meno spettacolo e folclore ma, sicuramente impareremo a vivere meglio tutti.

Più che di spettacoli di grande impatto mediatico, vorremmo restare "meravigliatii" dalla riscoperta di semplici manifestazioni quotidiane, come il rispetto della vita, per la vita.

 

 

 

 

3 commenti su “Celentano e l’ambiente”

  1. vedi, ‘ste foto e tutte le parole a commento non smuoveranno assolutamente niente se non fai un bell’esposto indirizzato alle amministrazioni pubbliche competenti ed alla Procura della Repubblica di Cagliari. O lo fai, con tutte le precise indicazioni del caso, oppure tutta ‘sta roba non servirà in concreto proprio a nulla.

  2. Grazie Stefano per il contributo, ma credo che i problemi su questi temi vadano affrontati anche con altre strategie e strumenti.

    Per esempio con la sensibilizzazione e la correttezza informativa per cercare di fare quel salto di qualità, che ritengo oramai indispensabile.

    In altre parole passare dal mero ambito educativo/comportamentale alla concreta attuazione di misure, partecipate e diffuse nel territorio, di reale sviluppo dell’ambiente, sia esso durabile o sostenibile.

    E poi… chi può dire che questi interventi non siano presi in considerazione dalle Autorità interessate?

  3. Beh, se così fosse che senso avrebbero tutti i programmi di denuncia, come Report o le inchieste che alcuni quotidiani e periodici presentano all’opinione pubblica.

    Che senso avrebbe un periodico on line cone L’altra voce.net che da tempo denuncia, anche senza carte bollate, il mal governo dominante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *