A proposal socio-cultural tourist to Cagliari: Project VARIT – Da anni aspettiamo che progetti di questo genere vengano approvati e sostenuti….

Valorizzazione Integrata Territorial Resources

Summary of the feasibility study for the area-wide Tuvixeddu Santa Gilla (Dated June 2003)

– Introduction:

Resources
that the territory has not been used often, sometimes even
known and indeed, often, even the man who damaged with actions, works,
settlements, restructuring and even with omissions, determines
serious damage not only to the natural environment but also human conditioning,
negatively, in a direct way the quality of life of residents and so
mediated by the whole community in general.

This
is because, for many people, the land and the environment are considered
as a given element or due, indispensable but at the same time marginal, usable
free and therefore without adequate safeguards.

It is believed
that only with proper action of general awareness, to be developed
from early childhood, may be implemented in the medium term, a significant
change of mentality and attitudes in the population-

– The guidelines on which the project
VARIT intends to develop:

The first is
of an educational behavioral, trying to animate and
context, local culture and the educational message of the school and
institutions in the territory and its various resources.

The second
is of type motivational, demonstrating through the appropriate
training actions “in progress”, which tend to transfer to the participants
knowledge, skills and professional skills, that the territory can be
a stable source of employment and income, through targeted action by
functional operators in safeguarding and creating an “awareness” and a
“Sense of belonging” to the territory and to its environment.

The third is
aimed at creating fruition paths, principals and
museum areas are able to offer a range of real services, aimed
not only the local community but also to outside visitors, students,
tourists, researchers positively taking care of the reception, information,
guidance and assistance.

Purpose
to enrich the offer of the site is provided for the realization of a series of
“Laboratories” and “workshops” in which objects will be replicated,
uses, tastes and customs related to the Phoenician-Punic and Roman civilization and, more
General to the traditions and culture of the peoples related to the sea. All this
will also necessarily involve a conversion socio-economic and cultural development.

To this
connection, it is imperative that Cagliari with its vast area of ??Tuvixeddu –
Santa Gilla can become before it is too late, a “center pilot
Herity “and be included among the assets of the” UNESCO World Heritage “and
can truly express its potential as a “Capital of the Mediterranean”.

– The phases and times
achievement

In
particularly for the vast compendium of the Tuvixeddu-Santa Gilla you
aims to develop the following project as articulated in three phases:

A) The first
is open to residents of the former Region and the surrounding areas, where it is
particularly high unemployment rate, mortality, drop-outs
school and where, paradoxically, the territory expresses considerable potential
of various kinds (natural, environmental, caving, archeology,
historical, cultural and landscape).

The audience,
with the cooperation of local governments will be identified
through the appropriate communicated and, if necessary, selected and
identified by means of questionnaires and tests that allow you to make a
choice based on the possession of minimum levels of motivation, knowledge and
interest.

Subsequently,
through the on-site meetings, our experts will look from one side of
recover the memory “environment” of the participants and let them know,
generating awareness, the many resources in the area
through a work devoted to the identification, inventory, cataloging,
mapping of the same and the other stimulate curiosity of users and create
the optimal conditions so that it is shared Motivational and more
owned the “mission” that future local operators will need to pursue,
tending to knowledge, the recovery and conservation and at the same time
to fruition, resulting in enhancement and relapse income in the territory
membership of the activities undertaken.

B) The
second stage is aimed at achieving adequate standards of knowledge,
skills, abilities, professional mastery related to their respective areas
operational by the users of the activities.

These
will be achieved through the lectures and traveling,
stages of learning the results of which will be verified through the
administration of problem solving, multiple choice questions,
action research and reports, developed with the use of techniques
multimedia.

During
Business and consumers will be constantly supported by some tutors who, in
coaching, will assist the various stages of learning that will be oriented
in accordance with the guiding principles of the project “Herity UNESCO” for
ensure a functional preservation of historical and archaeological and their
better quality of cinema.

Particular
relevance will be given to the development of computerized statistics,
percentages, data of different nature, the realization of didactic panels
with pictures, drawings, photos, graphics even in
scope hypertext and multimedia.

This
phase will conclude with the identification of pathways and the realization of a series of packages
theme of individual and collective enjoyment to offer to the public, with the
collaboration of public and private entities interested in the initiative,
conveyed through the Internet, CDs and DVDs and brochures with high-quality graphics.

C) The third
phase will be devoted to the construction of the economic realities of a corporate or
associative, strongly characterized by the use of new technologies and
action strategies in which to enter all the participants from
by the course, properly trained and selected.

These
structures will develop an active collaboration, in close contact with the
local government and regional authorities, whether of the State
direct or indirect central or peripheral, with which they will be
connected to articulate the area of ??intervention of the real services and integrated
functional to satisfy an increasingly effective demand for goods and services
of this nature.

All
structures operating in the compendium will pay for themselves from the proceeds of
activities, subject to the possibility that the entities concerned are delivering
of contributions, loans and allowances prescribed by the regulations
force.

– Construction time: 12 months

– Contexts
reference

The
project refers to a degraded area, characterized by discomfort
socio-economic and from a significant unemployment, especially among youth.

The area of
reference is the vast area of ??Santa Gilla-Tuvixeddu of Cagliari, but could
also be the area of ??St. Elias or Castle.

It should be noted
that in the whole island there are no initiatives of this kind, and that other
Local authorities will be able to “clone the initiative” by extending it to
their respective territorial areas.

Moreover
the feasibility of the proposal is also supported by the availability of
local government that, on occasions, have shown keen
interest in the implementation of the project, including by supporting individual initiatives,
however, in a disorganized way.

This
circumstance allows not only economically than management regarding
the use of classrooms and facilities corsuali but also a sign of live
interest on the part of the local community that will allow the project to VARIT
get that “consideration” necessary to its success.

This
project also provides for the involvement of a number of subjects,
public and private favoring, in this way, a better quality of results
and a greater involvement of all stakeholders.

In
particular schools of all levels, operators of the third sector, municipality,
Province, Region, associations, corporations and private enterprises, Superintendents,
University, Ministry of Education Sardinia, DRI Rome, EU, UNESCO, etc. ..

It
should also be noted that the original project will be further developed,
if there were further contributions from public bodies and sponsors
private, even with the creation of a museum of the area, perhaps
salvaged from old structures, equipped with a multipurpose space to be allocated
needs that should locate.

– Project staff

The
project stems from the contributions obtained in recent years by qualified
experts, teachers, researchers of various disciplines, as well as qualified journalists
and professionals who, for the most part, they are also involved in the project and between
these:

– Prof.
Joseph Loy Puddu – Professor of Tourism Policy at the University
Bocconi in Milan.

– Prof.
Andrea Allieri – Freelancer and Lecturer in Environmental Engineering

– Dr.
Maurizio Quagliuolo – Archaeologist, National Secretary DRI Rome

– Prof.
Mario Argiolas – Geologist, Professor of Geography of Tourism, Environmental Guide

– Prof.
Nuccio Brat – Expert Incoming

– Dr.
Silvia Concu – Researcher, Art Historian

– Dr.
Francesca Panzali – Psychologist Tourism

– Dr.
Gian Franco Luigi Quartu – Technical Advertising, Journalist

– Sergio
Atzeni – Expert Traditions, Journalist

– Dr.
Maria Teresa Allegretti, Journalist – Archaeologist

– Dr.
Roberta Pistis – scholar of archeology – Writer

– Dr.
Roberto Cotti – Researcher, Expert Eco-tourism – President of Ace Guide
Sardinia

– Dr.
Theodosius Daga – Researcher, Expert in Economics in Environmental Policy

– Dr.
Massimiliano Deidda – Biologist


Antonello Lutzu – Professor of Technology – Tourist Guide

– Dr.
Francesca Corona – Chartered Accountant

– Angelo
Pili – Researcher, Journalist

– Antonello
Floris – Speleologist – Researcher

– Marcello
Polastri – Speleologist – Journalist


Cooperative Laguna

– Center
Services Environment Sardinia


Cooperative Service Art – Integrated cultural and tourist

– CSV
Sardinia Solidarity

It should be noted
that the project has already been presented and delivered to the District no. 2 of
Sant’Avendrace, the City of Cagliari, the Province of Cagliari at the RAS
Department of Tourism, Public Education, the Superintendent
Archaeological Cagliari and Oristano, the DRI of Rome.

In phase
Start the group will be coordinated by Prof. Roberto Copparoni, Professor of
law and economics at the Institute of Tourism Pertini of Cagliari, Specialized
at the University of Florence Faculty of Educational Sciences and Processes
Educational, Journalist, Writer, former Honorary Inspector of the Superintendent
Archaeological Cagliari and Oristano, Expert of the third sector.


Expected Results

The Benefits
that are expected from the project are of relevance not only
occupativa and economic, but also socio-cultural nature. In fact, if
properly implemented, will grow in population processes
awareness and growth of knowledge that will determine, in
short to medium term, significant behavioral changes.

They
facilitate a socio-economic growth and more widespread participatory
on whose lines of development will engage necessarily a different
way of understanding and living environment, territory and use of its
multiple resources.

The
exponential positive effects that will be determined after the conclusion of
activities envisaged in the VARIT result for the effect, even a
better land management and improved “territorial command”
besides a more proactive control of the same by all residents,
no longer seen as mere onlookers but “real stars” of this
important process of shared growth, shared and disseminated.

Furthermore, in
Pending the conclusion of the work of the Archaeological Park of Tuvixeddu, the
infrastructure of the area, as well as the “safety measures” of the cavity, the
pathways and structures overlying allow a public daily
visitors, estimated to produce, about a thousand visitors, to be able to activate a
sensitive economic flow multiplier that will fall in the majority in
territory of the district.

Moreover
other significant effects are expected income and dall’indiretto
induced activity involving dozens of operators, enterprises and private companies
operating mainly in the city of Cagliari.

The
local public administrations, institutions instrumental Province and
Region will also benefit from the staff who qualified with the project
VARIT and develop partnerships aimed on the one hand to the prevention,
protection and enhancement of the area and the other to the best
knowledge and promotion of an important and strategic area, which for too
time has been unfairly neglected.

It is known,
In fact, for years cha your local authorities are trying to spice up
economies of many areas of Sardinia, expanding the tourist offer and destagionalizzarla
through initiatives that are able to influence, bringing benefits
influences, cultural, behavioral and economic territories of Sardinia.

This
project, if carried to its natural conclusion, will return to the
collective use an area of ??great breath, “The Phoenician-Punic necropolis and
Roman Tuvixeddu and the lagoon of Santa Gilla “, which could become
UNESCO monument, where archeology, art, entertainment, music, dance, nature and
culture will live and be proposed within an “air museum
open “whose main characteristic is to operate 365 days a year
doing “live the past”, in a participatory way, responsible and productive. The
results expected from the project include stable employment
for n. 20/30 units and seasonal
employment for an additional 30 units.

Valela worth
to recall in this regard that the historical sites paesaggisitici, have the
advantage of not being significantly affected by seasonal and
may therefore provide employment for all seasons
year. In fact, the demand for these goods and sites (are resources in question
certain and defined) is characterized by a certain rigidity on the choice of which of
visit will not impact significantly even the precariousness of the connections and the
not high quality of hospitality services.

In fact
this particular market segment exterior is composed mainly of
persons in possession of a high average earnings capacity which places among its
basic needs of the utility that comes to them from the “knowledge-discovery” of
archaeological sites and historic abstracts the access to which is environmental
innovative, as well as functional, attractive and sustainable both for
On the cost side, the quality and types of services provided.

It is believed
that the project presented possesses the minimum conditions of eligibility and must
be appreciated for intervention strategies chosen and also because the
public contribution is marginal and will not be an end in itself. You can create
new jobs, with the integrated enhancement and functional
natural, historical and scientific area of ??Tuvixeddu-Santa
Gilla

through
the use of new technologies and new media applications. Many young people
may fit into various spheres and through research, experimentation,
through their gradual and full involvement in the initiative will
achieve the positive levels of “professional mastery”, on which all
we have the “duty to invest” time and resources to ensure a stable and
sustainable future and, at the same time, treat with an “act from time
had to “our beautiful city
of Cagliari.

For the
project staff

Prof.
Roberto Copparoni

Costs
implementation of the Project, Phase a) and b):

a) organizational expenses and teaching and tutor for
activities planned for approximately 50 participants for a total of 400 hours of theory and 250 of which 150
of practical activities
€ 24.000,00

b) cost of teaching materials (publications, handouts, DVD, etc.). € 15,000.00

c) the cost of stationery and educational material individual euro 10.000,00

d) spesedi secretarial and administrative € 6,000.00

e) insurance € 2,000.00

f) costs of publication elaborate research,
relationships and multilingual information material about the project € 22,000.00

g) creation of multilingual information panels made with 30 colors
indelible € 15,000.00

h) planning and setting up panels of routes and itineraries to fruition € 5,000.00

Grand Total € 99.000,00

NB The costs of the final stage c) at the time, not
can be determined because they vary in relation to the number and
types of services that will be identified.

Una proposta socio-turistico-culturale per Cagliari
Progetto VARIT
ValorizzazioneIntegrata Risorse Territoriali

Sintesi del progetto di fattibilità per l’area vasta di Tuvixeddu-Santa Gilla (Datato giugno 2003)

– Premessa:

Le risorse
che il territorio possiede spesso non sono utilizzate, talvolta neppure
conosciute e anzi, spesso, persino danneggiate dall’uomo che con azioni, opere,
insediamenti, ristrutturazioni e anche con comportamenti omissivi, determina
gravi danni non solo all’ambiente naturale ma anche umano condizionando,
negativamente, in modo diretto la qualità della vita dei residenti e in modo
mediato di tutta la collettività più in generale.

Questo
accade perché, per molti cittadini, il territorio e l’ambiente si considerano
come un elemento dato o dovuto, indispensabile ma allo stesso tempo marginale, fruibili
gratuitamente e perciò privi di adeguata salvaguardia.

Si ritiene
che solo con un’adeguata azione di generale sensibilizzazione, da svilupparsi
fin dalla prima infanzia, possa attuarsi nel medio periodo, un significativo
cambiamento di mentalità e di atteggiamenti nella popolazione-

– Le direttrici sulle quali il progetto
VARIT intende svilupparsi:

La prima è
di tipo educativo comportamentale, cercando di animare e di
contestualizzare, la cultura locale e il messaggio formativo della scuola e
delle istituzioni al territorio ed alle sue varie risorse.

La seconda
è di tipo motivazionale, dimostrando attraverso delle adeguate
azioni formative “in progress”, tendenti a trasferire ai partecipanti
conoscenze, competenze e capacità professionali, che il territorio può essere
una stabile fonte di occupazione e di reddito, attraverso un’azione mirata di
salvaguardia funzionale e creando negli operatori una “consapevolezza” e un
“senso di appartenenza” al territorio e al suo ambiente.

La terza è
finalizzata alla realizzazione di percorsi di fruizione, presidi e
aree museali in grado di offrire una serie di servizi reali, rivolti
non solo alla collettività locale ma anche ai visitatori esterni, studenti,
turisti, ricercatori curando positivamente l’accoglienza, l’informazione,
l’orientamento e l’assistenza.

Allo scopo
di arricchire l’offerta del sito è prevista la realizzazione di una serie di
“laboratori” e “botteghe artigianali” nelle quali saranno riproposti oggetti,
usi, sapori e costumi legati alla civiltà fenicio punica e romana e più in
generale alle tradizioni e alla cultura dei popoli legati al mare. Tutto questo
comporterà necessariamente anche una riconversione socio economica e culturale.

A tale
proposito appare doveroso che Cagliari con la sua area vasta di Tuvixeddu –
Santa Gilla possa diventare, prima che sia troppo tardi, un “Centro pilota di
Herity” ed essere inserita fra i beni del “Patrimonio mondiale dell’UNESCO” e
poter veramente esprimere le sue potenzialità come “Capitale del Mediterraneo”.

– Le fasi previste e i tempi di
realizzazione

In
particolare per il compendio dell’area vasta di Tuvixeddu-Santa Gilla si
propone di sviluppare il seguente progetto così articolato in tre fasi:

A) La prima
è rivolta ai residenti della ex Circoscrizione e delle zone limitrofe, dove è
particolarmente elevato il tasso di disoccupazione, la mortalità, gli abbandoni
scolastici e dove, paradossalmente, il territorio esprime notevoli potenzialità
di varia natura (naturalistiche, ambientali, speleologiche, archeologiche,
storiche, culturali e paesaggistiche).

L’utenza,
grazie alla collaborazione delle locali Amministrazioni sarà individuata
attraverso degli appositi comunicati e, ove necessario, selezionata e
individuata mediante dei questionari e test che consentiranno di effettuare una
scelta basata sul possesso di livelli minimi di motivazioni, conoscenze e di
interesse.

Successivamente,
attraverso degli incontri in loco, i nostri esperti cercheranno da un lato di
recuperare la memoria “ambientale” dei partecipanti e far loro conoscere,
generando consapevolezza, le molteplici risorse presenti nel territorio
attraverso un lavoro rivolto all’individuazione, censimento, catalogazione,
mappatura delle stesse e dall’altro stimolare la curiosità dell’utenza e creare
le ottimali condizioni motivazionali affinché venga condivisa e sempre più
partecipata la “mission” che i futuri operatori locali dovranno perseguire,
tendente alla conoscenza, recupero e alla conservazione ed allo stesso tempo
alla fruizione, valorizzazione e conseguente ricaduta reddituale nel territorio
di appartenenza delle attività intraprese.

B) La
seconda fase è rivolta al raggiungimento di adeguati standard di conoscenze,
competenze, capacità, padronanza professionale riferite ai rispettivi ambiti
operativi da parte dei fruitori delle attività.

Questi
obiettivi saranno raggiunti attraverso delle lezioni frontali e itineranti,
stages i cui risultati dell’apprendimento saranno verificati attraverso la
somministrazione di problem solving, quesiti a risposta multipla,
ricerca-azione e relazioni, sviluppate anche con l’uso di tecniche
multimediali.

Nel corso
dell’attività l’utenza sarà costantemente coadiuvata da alcuni tutor che, in
affiancamento, assisteranno le varie fasi dell’apprendimento che sarà orientato
nel rispetto dei principi informatori del progetto “Herity UNESCO” per
garantire una salvaguardia funzionale dei beni storico archeologici e la loro
migliore qualità di fruizione.

Particolare
rilevanza sarà data all’elaborazione informatizzata di statistiche,
percentuali, dati di varia natura, alla realizzazione di pannelli didascalici
con immagini, disegni, foto, grafici anche in
ambito ipertestuale e multimediale.

Questa
fase si concluderà con la individuazione di percorsi e la realizzazione di una serie di pacchetti
tematici di fruizione individuale e collettiva da offrire al pubblico, con la
collaborazione degli enti pubblici e privati, interessati alla iniziativa,
veicolati attraverso Internet, CD e DVD e dépliant di elevata qualità grafica.

C) La terza
fase sarà destinata alla costruzione di realtà economiche di tipo societario o
associativo, fortemente caratterizzati dall’utilizzo di nuove tecnologie e
strategie di azione, nelle quali inserire tutti i partecipanti provenienti
dalle attività formative, opportunamente formati e selezionati.

Tali
strutture svilupperanno una fattiva collaborazione, in stretto contatto con gli
enti pubblici locali territoriali competenti, siano essi dell’Amministrazione statale
diretta o indiretta che centrale o periferica, con i quali esse saranno
collegate per articolare sull’area di intervento dei servizi reali integrati e
funzionali per soddisfare una sempre più qualificata domanda di beni e servizi
di tale natura.

Tutte le
strutture operanti nel compendio si autofinanzieranno dai proventi delle
attività svolte, fatta salva la possibilità che gli enti interessati eroghino
delle contribuzioni, finanziamenti e provvidenze previsti dalla normativa
vigente.

– Tempi di realizzazione: 12 mesi

– Contesti di
riferimento

Il
progetto si riferisce ad un’area degradata, caratterizzata da disagio
socio-economico e da una sensibile disoccupazione, soprattutto giovanile.

La zona di
riferimento è l’area vasta di Tuvixeddu-Santa Gilla di Cagliari, ma potrebbe
essere anche l’area di Sant’Elia o di Castello.

Si segnala
che in tutta la Sardegna non esistono iniziative di questo genere e che altre
Amministrazioni locali potranno “clonare l’iniziativa” estendendola ai
rispettivi ambiti territoriali.

Peraltro
la fattibilità della proposta è anche avvalorata dalla disponibilità delle
locali Amministrazioni pubbliche che, in più occasioni, hanno mostrato vivo
interesse per l’attuazione del progetto, anche sostenendo singole iniziative,
peraltro in modo disorganico .

Tale
circostanza consente non solo un’economicità di gestione per quanto riguarda
l’utilizzo delle aule e delle strutture corsuali ma anche un segnale di vivo
interesse da parte della comunità locale che consentirà al progetto VARIT di
ottenere quella “considerazione” necessaria per la sua buona riuscita.

Questo
progetto prevede peraltro il coinvolgimento di una pluralità di soggetti,
pubblici e privati favorendo, in tal modo, una migliore qualità dei risultati
ed un più ampio coinvolgimento di tutti gli attori.

In
particolare scuole di ogni ordine e grado, operatori del III settore, Comune,
Provincia, Regione, Associazioni, Enti e Imprese private, Soprintendenze,
Università, MIUR Sardegna, DRI Roma, U.E, UNESCO, ecc..

Si
segnala, inoltre, che l’originario progetto sarà ulteriormente sviluppato,
qualora vi fossero ulteriori apporti da parte di enti pubblici e sponsor
privati, anche con la realizzazione di un museo del territorio, magari
recuperato da vecchie strutture, dotato di uno spazio polivalente da destinarsi
alle necessità che si dovessero individuare.

– Lo staff di progetto

Il
progetto nasce dai contributi ottenuti in questi anni da parte di qualificati
esperti, docenti, ricercatori delle varie discipline, nonché qualificati giornalisti
e professionisti che, in buona parte, sono anche coinvolti nel progetto e fra
questi:

– Prof.
Giuseppe Loy Puddu – Docente di Politica del Turismo presso l’Università
Bocconi di Milano.

– Prof.
Andrea Allieri – Libero Professionista e Docente in Ingegneria ambientale

– Dott.
Maurizio Quagliuolo – Archeologo, Segretario Nazionale DRI Roma

– Prof.
Mario Argiolas – Geologo, Docente di Geografia del Turismo, Guida ambientale

– Prof.
Nuccio Monello – Esperto di Incoming

– Dott.ssa
Silvia Concu – Ricercatrice, Storica dell’arte

– Dott.ssa
Francesca Panzali – Psicologa del Turismo

– Dott.
Gian Franco Luigi Quartu – Tecnico Pubblicitario, Giornalista

– Dott. Sergio
Atzeni – Esperto di Tradizioni Popolari, Giornalista

– Dott.ssa
Maria Teresa Allegretti, Giornalista – Archeologa

– Dott.ssa
Roberta Pistis – Studiosa di archeologia – Scrittrice

– Dott.
Roberto Cotti – Ricercatore, Esperto di Eco-turismo – Presidente di Asso Guide
Sardegna

– Dott.
Teodosio Daga – Ricercatore, Esperto di Economia in Politiche ambientali

– Dott.
Massimiliano Deidda – Biologo


Antonello Lutzu – Docente di Tecnica Turistica – Guida turistica

– Dott.ssa
Francesca Corona – Dottore Commercialista

– Angelo
Pili – Ricercatore, Giornalista

– Antonello
Floris – Speleologo – Ricercatore

– Marcello
Polastri – Speleologo – Giornalista


Cooperativa Laguna

– Centro
Servizi Ambiente Sardegna


Cooperativa Service Art – Servizi integrati culturali e turistici

– CSV
Sardegna Solidale

Si segnala
che il progetto è stato già presentato e consegnato alla Circoscrizione n. 2 di
Sant’Avendrace, al Comune di Cagliari, alla Provincia di Cagliari, alla RAS
Assessorato al Turismo, alla Pubblica Istruzione, alla Soprintendenza
Archeologica di Cagliari e Oristano, al DRI di Roma.

In fase di
avvio il gruppo sarà coordinato dal Prof. Roberto Copparoni, Docente di
legislazione ed economia del Turismo presso l’Istituto Pertini di Cagliari, Specializzato
presso l’Università di Firenze facoltà di Scienze della Formazione e Processi
Educativi, Giornalista, Scrittore, già Ispettore Onorario della Soprintendenza
Archeologica di Cagliari e Oristano, Esperto del terzo settore.


Risultati attesi

I benefici
che si attendono dall’attuazione del progetto rivestono una rilevanza non solo
economica ed occupativa, ma anche di natura socio-culturale. Infatti, se
correttamente attuato, si svilupperanno nella popolazione dei processi di
sensibilizzazione e di accrescimento delle conoscenze che determineranno, nel
breve-medio periodo, dei significativi mutamenti comportamentali.

Essi
agevoleranno una crescita socio-economica diffusa e maggiormente partecipata
sulle cui direttrici di sviluppo si innesterà necessariamente un differente
modo di intendere e vivere l’ambiente, il territorio e la fruizione delle sue
molteplici risorse.

Le
positive ricadute esponenziali che saranno determinate dalla conclusione delle
attività previste nel progetto VARIT comporteranno per l’effetto, anche una
migliore gestione del territorio ed una maggiore “padronanza territoriale”,
oltreché un più fattivo controllo dello stesso da parte di tutti i residenti,
visti non più come semplici comparse ma “veri protagonisti” di questo
importante processo di crescita condivisa, partecipata e diffusa.

Inoltre, in
attesa della conclusione dei lavori del Parco archeologico di Tuvixeddu, la
infrastrutturazione dell’area, nonché la “messa in sicurezza” delle cavità, dei
percorsi e delle strutture soprastanti consentirà ad un pubblico giornaliero di
visitatori, stimato a regime, di circa mille presenze, di poter attivare un
sensibile flusso economico moltiplicativo che ricadrà, nella maggior parte, nel
territorio del quartiere.

Peraltro
altre significative ricadute reddituali sono attese dall’indiretto e
dall’indotto che coinvolgeranno decine di operatori, imprese ed aziende private
operanti in prevalenza nella città di Cagliari.

Le
pubbliche amministrazioni locali, gli enti strumentali della Provincia e della
Regione potranno, inoltre avvalersi del personale qualificatosi con il progetto
VARIT e sviluppare delle collaborazioni tendenti da un lato alla prevenzione,
protezione e valorizzazione del territorio e dall’altro alla migliore
conoscenza e promozione di una importante e strategica area, che per troppo
tempo è stata ingiustamente trascurata.

È noto,
infatti, cha da anni gli enti locali preposti stiano cercando di vivacizzare le
economie di varie zone della Sardegna, ampliare l’offerta turistica e destagionalizzarla
attraverso delle iniziative che siano in grado di incidere, apportando benefici
influssi, culturali, comportamentali ed economici nei territori della Sardegna.

Questo
progetto, se portato a sua naturale conclusione, permetterà di restituire alla
fruizione collettiva una area di grande respiro “La necropoli fenicio-punica e
romana di Tuvixeddu e la Laguna di Santa Gilla”, che potrebbe diventare
monumento UNESCO, dove archeologia, arte, spettacolo, musica, danza, natura e
cultura potranno convivere ed essere proposte all’interno di un “Museo a cielo
aperto” la cui principale caratteristica è di operare per 365 giorni l’anno
facendo” vivere il passato”, in modo partecipato, responsabile e produttivo. I
risultati attesi dall’attuazione del progetto prevedono una stabile occupazione
per n. 20/30 unità e stagionale
occupazione per ulteriori 30 unità.

Valela pena
di ricordare a questo proposito che i siti storico-paesaggisitici, hanno il
pregio di non essere condizionati in modo significativo dalla stagionalità e
che pertanto possono garantire occupazione per tutte le stagioni
dell’anno. Infatti la domanda di tali beni e siti (sono delle risorse a domanda
certa e definita) è caratterizzata da una certa rigidità sulla cui scelta di
visita non incide in modo sensibile neppure la precarietà dei collegamenti e la
non elevata qualità dei servizi di ospitalità.

Infatti
questo particolare segmento di mercato esterno è costituito in prevalenza da
soggetti in possesso di una capacità reddituale medio alta che pone fra i suoi
bisogni primari l’utilità che deriva agli stessi dalla “scoperta-conoscenza” di
siti e compendi storico archeologici ambientali la cui fruizione sia
innovativa, oltreche funzionale, accattivante e sostenibile sia per quanto
riguarda i costi, la qualità e le tipologie dei servizi resi.

Si ritiene
che il progetto presentato possieda le condizioni minime di eligibilità e debba
essere apprezzato per le strategie d’intervento prescelte ed anche perché la
contribuzione pubblica è marginale e non sarà fine a se stessa. Sarà possibile creare
nuovi posti di lavoro, con la valorizzazione integrata e funzionale del
patrimonio naturalistico, storico-scientifico dell’area di Tuvixeddu-Santa
Gilla

attraverso
l’uso di nuove tecnologie e nuove applicazioni multimediali. Tanti giovani
potranno inserirsi in vari ambiti e attraverso la ricerca, la sperimentazione,
mediante il loro graduale e pieno coinvolgimento nell’iniziativa potranno
raggiungere dei positivi livelli di “padronanza professionale”, sui quali tutti
abbiamo il “dovere di investire” tempo e risorse, per garantire uno stabile e
sostenibile futuro e, allo stesso tempo, curare con un “atto da tempo
dovuto” la nostra bellissima città
di Cagliari.

Per lo
staff di progetto

Prof.
Roberto Copparoni

Costi di
realizzazione del Progetto, Fase a) e b) :

a)spese organizzative e di docenza e tutor per le
attività previste per circa 50 partecipanti per complessive 400 ore di cui 150 di teoria e 250
di attività pratiche
euro 24.000,00

b) spese materiale didattico (pubblicazioni, dispense, DVD, ecc.) euro 15.000,00

c) spese di cancelleria e materiale didattico individuale euro 10.000,00

d) spesedi segreteria e di amministrazione euro 6.000,00

e)assicurazioni euro 2.000,00

f) spese per pubblicazione ricerche elaborati,
relazioni e materiale informativo plurilingue sul progetto euro 22.000,00

g) realizzazione di 30 pannelli didascalici plurilingue realizzati con colori
indelebili euro 15.000,00

h) progettazione e allestimento pannelli dei percorsi ed itinerari di fruizione euro 5.000,00

Totale generale euro 99.000,00

N.B. I costi della ultima fase c), al momento, non
possono essere determinati perché variano in relazione al numero e alle
tipologie dei servizi che saranno individuati.

http://www.sardegnasolidale.it/associazione-amici-di-sardegna-cagliari/notizie/un-progetto-per-la-citta-di-cagliari-ma-non-solo-1.11646

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *