Perché mi sono candidato al Senato della Repubblica

Cari amici vicini e lontani, Vi comunico che ho accettato la candidatura al Senato nella Regione Sardegna per la lista Rivoluzione civile Ingroia.

I motivi sono tanti ma prima di tutto il desiderio di dare un segnale di forte discontinuità verso una politica scellerata che smantella i margini di autonomia dei cittadini facendoli dipendere sempre più dalla finanza, dal mercato e dalla Unione delle Banche europee. I cittadini non possono limitarsi passivamente  a “prendere atto” delle decisioni “di veri o presunti tecnocrati” che, fra l’altro, incidono in modo devastante su tutti i campi della nostra esistenza e  sulla qualità di vita. Questo Governo ha deciso di attuare delle drastiche misure che colpiscono prevalentemente i cittadini meno abbienti, i pensionati, le fasce sociali a reddito fisso, che tagliano le politiche sociali e assistenziali, il diritto allo studio, il diritto al lavoro, la sicurezza e la qualità della vita e il diritto alla salute dei cittadini e dei lavoratori; misure che confermano lo spreco di denaro per inutili spese militari, per inutili grandi opere come T.A.V., per il consolidamento di devastanti “poli industriali”. Per questo mi è sembrato naturale affiancarmi con coloro che auspicano una mutazione etica della nostra società, attraverso una rivoluzione civile, sociale e ecologica per attuarne una sua pacifica riconversione .

Con il nostro voto potremmo dare una segnale di reale cambiamento di questo sistema, soprattutto per la nostra amata isola che versa in uno stato di emarginazione e di grave pericolo, sia ambientale che socio economico e occupazionale. Per questo, come sardo, ambientalista, cittadino del mondo ho deciso di candidarmi per dare un contributo a questa lista che, mi auguro di cuore, incontri i favori dell’elettorato.

Roberto Copparoni

Candidato nella lista per il Senato Regione Sardegna – Rivoluzione Civile Ingroia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *