Ecco un esempio di tutela nelle aree marine protette

Anche ieri Domenica 26 agosto ci siamo recati all’isola di Mal di Ventre e abbiamo verificato il rispetto dei vincoli posti dall’area marina protetta del Sinis Mal di Ventre.

Ecco il quadro d’insieme:

– visitatori e diportisti: 360

– imbarcazioni sulla spiaggia (gommoni e tender) 14

– imbarcazioni all’ormeggio 57 (di cui solo 30 a Cala Salina)

– controlli dalle ore 10,00 alle ore 17,00: nessuno

– rispetto dei vincoli zona A): nessuno

– rispetto dei vincoli zona b): nessuno

– presenza di nasse e reti da pesca: 8

 

Questo è quanto….

 

I commenti li lasciamo a voi!

 

5 commenti su “Ecco un esempio di tutela nelle aree marine protette”

  1. Al peggio non c’è mai fine, figurati che a geremeas un villaggio turistico oltre a non smontare i servizi spiaggia come da norme e leggi vigenti ogni fine stagione recintano la spiaggia,e mettono anche dei cartelli con scritto proprietà privata (alla faccia di tutte le leggi).

  2. Credo, dall’alto della mia ignoranza in materia, che un pò in tutta la Sardegna si possano trovare esempi di non rispetto per l’ambiente, unito ad un menefreghismo da fare paura…

  3. Sì è vero…ma se questa circostaza può essere presente negli altri territori della Sardegna, tutto ciò NON DEVE essere reso possibile in zone protette o di particolare pregio.

    E’ una vergogna!

    Altro che Sardegna fatti bella!

    Sardegna sei già bella…è solo che i sardi non ti sanno apprezzare e promuovere come si dovrebbe!

  4. L’Isola Mal di Ventre…, un piccolo grande paradiso che appartiene a tutti.. o nessuno..??!! …area marina protetta… ma da chi è protetta ????????.. … le “stupende” foto con visuale su sacco di spazzatura e caletta impestata di natanti a ridosso della spiaggia di Cala Saline sono veramente “stupende”…, …mahh!

  5. L’ultimo intervento ha colto proprio nel segno…

    Sembra che in questa isola “fiore all’occhiello” dell’Ente Parco Sinis Mal di Ventre, l’unica cosa veramente protetta sia “l’aliga”.

    A distanza di mesi il sacco pieno di rifiuti ripreso nella foto, è rimasto li.

    Chissà se qualche anima buona si prenderà la briga di portarlo via! Bisogna stare attenti, però.

    Infatti si corre il pericolo di prendersi una denuncia…

    Per fortuna c’è chi si occupa della salvaguardia dell’Isola!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *