Facciamo la nostra parte per Gaza

Gli Amici di Sardegna, devono sempre guardare anche oltre i propri confini.

Ciò che sta accadendo nel resto del mondo non ci può e non ci deve lasciare indifferenti perchè assorbiti dalle nostre beghe quotidiane e che solo, perchè contingenti, assorbono tutte le nostre energie o creano la scusante per non fare nulla.

Quello che sta accadendo nella striscia di Gaza dovrebbe farci aprire gli occhi su tutti quei valori che sono universali e che stanno alla base di ogni vivere civile.

Con questo non si voglio certo dimenticare le vittime isdraeliane, e dire che questo attacco è ingiusto perchè è politicamente colorato e solo perchè, noi apparteniamo alla fazione più debole. Noi, da buoni sardi, dobbiamo essere sempre dalla parte di coloro che subiscono delle ingiustizie, da qualunque parte esse provengano!

Basa guardare il nostro passato, anche recente ed attuale per capire…

Per questo abbiamo aderito all’iniziativa di questa associazione.

Ora, compatibilmente con le nostre possibilità e mezzi, facciamo la nostra parte!

Un caro saluto a tutti

Amici di Sardegna

 

Cari amici,
lo spargimento di sangue a Gaza sta crescendo–le fatalita` si aggirano intorno alle 800 persone di cui quasi la meta` cibvili e piu` di 250 bambini. Gli Isdraeliano grazie a areoplani e artiglieria bombardano aree urbane densamente popolate, scuole delle Nazioni Unite incluse, migliaia i feriti a piu` di 1.5 milioni di civili terrorizzati non hanno via di scampo da questo territorio prigione — i confini sono stati sigillati. Hamas continua a combattere e a lanciare razzi su Israele: 11 Israeliani sono morti, anche da fuochi amici.

La nostra chiamata mondiale per un cessate il fuoco internazionalmente garantito sta iniziando a farsi sentire chiara e forte, guadagnandosi il supporto dei leaders d`Europa, del Medio Oriente e senza dubbio: le fondamenta per un accordo stanno diventando chiare. Ma israele continua a rifiutare la via della tregua, e l`ex presidente Bush sta bloccando un cessate il fuoco negoziato dalle Nazioni Unite , cercando invece di imporre un alternativa incline al renedere legittima da parte di Israele il soffocamento e isolamento di Gaza.

Quel che e` troppo e` troppo. Non possiamo permettere che Bush & Co. blocchino un giusto cessate il fuoco. 250,000 hanno firmato la petizione per il cessate il fuoco, arriviamo a mezzo milione–lo pubblicheremo con un duro-colpo avviso sul Washington Post e lo consegneremo ai membri Consiglio della Sicurezza delle Nazioni Unite durante riunioni — segui il link sotto per vedere l`avviso, firma la petizione, e inoltra questo messaggio a tutti i tuoi amici e familiari:

http://www.avaaz.org/it/gaza_time_for_peace/97.php?cl_tf_sign=1

Il nostro sforzo puo` davvero fare la differenza–Lo stesso ministro degli esteri israeliano assicura che una forte pressione internazaionale, se intensa abbastanza, potrebbe assicurare un cessate il fuoco. Mentre la comunità internazionale continua i dibattiti e postpone il problema, sempre più civili muoiono ogni giorno. Un ufficiale di alto rango dell’ONU ha dichiarato "Non esiste un posto sicuro a Gaza. Qui tutti sono terrorizzati e traumatizzati". Opponendosi a una risoluzione delle Nazioni Unite, secondo quanto si dice Bush propone di escludere Hamas da qualsiasi cessate il fuoco e lasciare carta bianca ad Israele, garantendo quindi che la violenza continui indisturbata. Ecco perché ci rivolgiamo al neoeletto presidente Obama e ai principali strateghi degli Stati Uniti, così come all’UE e ai principali leader internazionali, per raggiungere una risoluzione equa e stabile.

Affinchè sia duraturo, il cessate il fuoco deve proteggere i civili e pore finea tutti gli attacchi. — Le incursioni e i bombardamenti israeliani così come i razzi palestinesi sono diretti al sud di Israele. È sempre più necessaria una supervisione internazionale alle frontiere, affinchè siano riaperte le frontiere di Gaza per poter portare viveri, carburante, medicinali e altri beni di prima necessità , e per far sì che non ci sia un traffico di armi che tra l’altro è solamente aumentato con il blocco delle frontiere e per monitorare e rafforzare un bilaterale cessate il fuoco

Hamas, che ha vinto le elezioni del 2006 e ora governa a Gaza, ha dichiarato che accetterà il suddetto cessate il fuoco. Dovrà mantenere la sua parola esattamente come lo dovrà fare Israele. Non esiste una soluzione militare per nessuna delle due parti – è giunto il momento che i poteri mondiali entrino in gioco proponendo un accordo equo che protegga i civili da entrambe le parti e permetta loro di vivere le proprie vite in pace e tranquillità.Firma la petizione ora con il link qui sotto e invia il messaggio a tutti quelli che conosci – lo pubblicheremo sul Washington Post e non solo, e cercheremo di raggiungere incontri faccia a faccia per consegnare la petizione all’equipe di Obama, al Consiglio di Sicurezza dell’ONU e ai leader europei:

http://www.avaaz.org/it/gaza_time_for_peace/97.php?cl_tf_sign=1

Con speranza e determinazione,

Paul, Graziela, Ricken, Luis, Alice, Brett, Ben, Iain, Paula, Veronique, Milena e tutto il team di Avaaz

————–
P.S. Per un riassunto di molte delle campagne di Avaaz fino ad ora guarda qui:
https://secure.avaaz.org/it/report_back_2

6. La Stampa: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200901articoli/39911girata.asp

—————————————————–

CHI SIAMO
Avaaz.org è un’organizzazione non-profit e indipendente, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa "voce" in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229

Clicca
qui
per avere maggiori informazioni sulle nostre campagne.

Non dimenticare di andare a vedere le nostre pagine: >Facebook, >Myspace e > Bebo.

Un commento su “Facciamo la nostra parte per Gaza”

  1. Io penso che iniziative di questo genere siano utili e necessarie.

    Non dimentichiamoci mai che “non siamo l’ombelico del mondo” e abbiamo il dovere di guardare anche fuori dalla nostra isola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 12 =