La Sardegna vista dall’altra parte: una storia di cicche e rifiuti

 

Da un amico di Sardegna (R.P.) riceviamo e volentieri pubblichiamo, anche perchè condividiamo "in toto" quanto da lui segnalato.

Se avete da dire qualche cosa in argomento fatevi sentire, usate questo blog!

Un cordiale saluto a tutti

Roberto Copparoni

 

Sono ambientalista e per giunta di origine sarda.Ogni hanno vengo in  vacanza e a malincuore noto come sempre di più vi sono spiagge sporche  di cicche, anfratti, come a capo comino invasi da rifiuti (plastica,  carte, bottiglie).Lungo le strade, ovunque, forse si salvano alcuni  centri di montagna, invase da rifiuti.Per esempio quest’anno ero a Orosei e ho visto come i cassonetti sono stati giorni senza essere

svuotati.

I rifiuti invadevano anche la strada.Poi quando vengono raccolti vedo il menefreghismo di chi svolge l’attività di raccolta  che  non si occupa dei rifiuti che cadono a pochi metri dai cassonetti  che si accumulano nel tempo.Poi si trovano materassi, televisori………

Un altro aspetto da verificare è come a Cala  Ginepro (sa Curcuricca), dove abbiamo pagato 4 euro per entrare sulla  spiaggia, per avere quale servizio??La spiaggia è sporca non viene  pulita…..Ma perchè si paga?? Per tenere pulite le spiagge o per far

arricchire un po’ di persone che  si mettono all’ingresso e basta.

UNA  COSA CHE HO APRREZZATO E QUALCUNO MI HA FATTO NOTARE E CHE A S.ANTIOCO  PRIMA DI ENTRARE IN SPIAGGIA, IL  COMUNE FA DISTRIBUIRE DEI PORTACENERE  IN PLASTICA.

L’INIZIATIVA DEVE  ESSERE ESTESA A TUTTE LE SPIAGGE.FATE  QUALCOSA.OGNI ANNO SPERO SEMPRE  CHE QUALCOSA CAMBI…………

 

Combattete contro chi vuole distruggere tutto.Un  altro problema sono le cicche gettate dai passeggeri delle navi.Non  potete fare qualcosa e richiamare chi di dovere….Sulle navi non si vede nessuno che controlla come sulle spiagge in sardegna…

 

R.P.

3 commenti su “La Sardegna vista dall’altra parte: una storia di cicche e rifiuti”

  1. Tempo fa qualcuno mi ha fatto notare come in alcune località tustiche

    del nord Italia si trovino molto facilmente i cestini per i rifiuti

    coordinati da posacenere, ecco forse se iniziassimo a mettere a

    disposizione degli utenti gli strumeti per essere più civili…

  2. Pensate che circa 8 anni fa acquistammo al mercatino di piazzale Trento un migliaio di posa cenere tascabili di metallo fatti fare dalla Regione e che stavano per essere rottamati al ferro vecchio. Li acquistammo tutti per 50 euro e li abbiamo regalati in tutta la regione nel corso delle iniziative dell’Associazione Amici di Sardegna. Perchè la Regione non li ha consegnati anziche rottamarli?

    Quanto denaro pubblico viene speso per nulla!!!

    Mi ricordo che segnalai il problema al Presidente Palomba che rimase tanto sopreso e meravigliato.

  3. Cosa cavolo parlate della Sardega? voi siciliani, prima di nominare la Sardegna, dovete pulirvi la bocca!!!

    Almeno li, anche se qualche dettaglio non è perfetto, mai si raggiungono gli estremi paurosi della sicili, terra di mafiosi, di malffare, di approfittatori, di magnaccia e simili amenità.

    tpmcat.tomcat@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 3 =