Malu entu /Mal di Ventre – incuria e vandalismo

Cagliari 06/07/2011
A seguito di un ulteriore sopralluogo effettuato sull’Isola di Malu Entu, l’Associazione Amici di Sardegna segnala che la roccia dei fidanzatini (posta nel lato centro occidentale dell’isola) è stata parzialmente demolita.
Infatti oggi è presente solo uno dei blocchi granitici che caratterizzavano questa suggestiva opera d’arte che madre natura aveva creato e che richiamava la curiosità di tantissimi visitatori dell’isola. Come risulta dalle foto allegate oggi non è rimasto solo che uno delle due blocchi di granito che costituivano questa originale roccia a cui lo studioso Roberto Copparoni aveva dato il nome circa 20 anni fa.
A nulla è valsa la denuncia presentata dagli Amici di Sardegna due anni fa dove si segnalava la decapitazione di una delle due figure, peraltro sempre negata dai diretti interessati.

E mai possibile che una isola inserita in un area Marina protetta sia costantemente danneggiata dalla incuria e negligenza?
L’habitat di questo lembo di terra colpito dal forte vento di maestrale e dalla furia del mare rischia di essere irrimediabilmente cancellato.

I problemi attuali, che fra l’altro si denunciano da decine di anni, sono causati da una insieme di circostanze e fattori quali:

-l’eccessivo carico antropico non regolamentato e neppure autorizzato;
– l’indiscriminata raccolta di pesci, crostacei, ricci e frutti di mare
-le ricerche degli abusivi che ricercano improbabili tesori sia sulla terra che in mare;
-le gravi e ripetute malattie che hanno colpito i conigli dell’isola, unici mammiferi che insieme ai topi vivono stabilmente sull’isola,
-la grande quantità di rifiuti presenti all’interno dell’isola lasciati da visitatori senza scrupoli;
-il totale degrado dell’ unica sorgente di acqua dolce presente sull’isola
– l’assenza di un presidio permanente sull’isola che garantisca il controllo e il monitoraggio, nonchè garantire immediati interventi per la messa insicurezza dei visitatori e diportisti.

Forse sarebbe proprio il caso che la Regione decidesse di acquistare l’isola e tutelarla e valorizzarla per davvero essendo l’unica isola minore della Sardegna frequentata sin dal neolitico, dove è presente una villaggio nuragico, una villa romana, i misteriosi resti di un monastero e dove sopravvivono delle specie endemiche in una atmosfera davvero suggestiva e del tutto particolare.

Per l’Ufficio stampa

Angelo Pili

La prima foto sulla sinistra si riferisce alla roccia dei fidanzatini come era in origine
la foto a lato rappresenta lo stato attuale

3 commenti su “Malu entu /Mal di Ventre – incuria e vandalismo”

  1. Roberto bisogna dare una mossa alla regione in merito al degrado su Malu ‘Entu e concordo sulla occorrenza di un presidio tecnico-scientifico e di vigilanza. In caso contrario ci ricorderemo di questo incantevole sito solo dalle fotografie(sic!)
    Mi offro volontario per un breve soggiorno(15giorni?)

  2. Grazie per l’informazione sull’isola di mal di ventre carissimo Angelo se si potesse visitare con una guida mi piacerebbe molto…ciao da simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *