Salviamo l’Amazzonia e il suo popolo che lotta per salvare la propria civiltà…

http://www.raoni.com/noticias-484.php

Brasile secondo Dilma Rousseff: una dittatura economica in guerra contro i difensori dell’Amazzonia.Brasile oggi ha sfidato la comunità internazionale violare deliberatamente i diritti dell’uomo inscritto nella sua costituzione e nelle convenzioni internazionali, che lo ha ratificato. Aziende francesi coinvolte nello sviluppo economico del Brasile sono infatti complici di questi abusi. Queste azioni che macchia la reputazione della Francia, il paese dei diritti umani, devono immediatamente cessare e ha fatto il Brasile cadere nel lato delle dittature.Quasi due mesi fa, il Brasile ha ospitato la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro. Un documento senza ambizione ha provocato delusione nel mondo, Rio + 20. Il vertice della terra già da 20 anni è di gran lunga. Finanziamento Sblocca duro, nessun paese ha imposto la leadership per negoziare un accordo per le sfide. Europa è impantanato nella crisi dell’Eurozona, incapace di influenzare i negoziati.Tuttavia, Dilma Rousseff, Presidente del Brasile, poi per il rostro, affermò: “Siamo riuniti a Rio de Janeiro a progredire ambizioso, a dare prova di valore, di assumersi la responsabilità.” “Siamo qui perché il mondo richiede un cambiamento.” Belle parole ma agisce in contraddizione con quelli, perché per diversi mesi in Brasile, nel para dichiarano, in Amazzonia profonda e quindi dal centro dell’attenzione, si svolge una guerra. Che cosa è in gioco è la distruzione delle foreste e fiumi spazi ancora vergine e la perdita dei diritti alla terra dei loro guardiani, i popoli indigeni che vivono lì. Il Presidente del Brasile proprio era che dichiarò che guerra per i popoli indigeni di Xingu, imporre con la forza la costruzione della mega centrale idroelettrica diga Belo Monte, un enorme complesso di dighe. Costruzione, sarebbe la terza più grande del mondo.Belo Monte è il cavallo di Troia di sfruttamento irresponsabile della giungla amazzonica cui clima e ruolo ecologico è aumentato per tutta l’umanità. Per sviluppare il loro potenziale di energia e per confermare il loro posto nel cerchio privato delle grande potenze del mondo, Brasile ha deciso di costruire fino a 60 dighe sugli affluenti Amazon, la cui ambizione – come dicono – è fornire elettricità alle grandi città del sud del paese, ma, infatti, principalmente per significativi depositi minerali.In questa corsa frenetica, Belo Monte, vetrina dell’amministrazione di Dilma, sembra essere la soluzione ideale poiché è presunta – come diciamo noi – energia “pulita”. La realtà è totalmente diversa: la sua costruzione, iniziata da un anno fa, è tragaría infine più di 668 km ² compresi 400 km ², primario generando quantità enorme foresta di metano (gas di serra almeno 25 volte più inquinanti di anidride carbonica). Hanno spostato più di 20.000 persone e popoli indigeni almeno 24 sarebbe il suo stile di vita in frantumato a causa della rarefazione delle risorse alimentari: un etnocidio nel breve termine.• Brasile ha commesso dal 1988 a riconoscere i territori indiani, li delimitano e proteggerli. PPG7, lanciata ufficialmente al Summit della terra, tenutasi a Rio nel 1992 fu aiutato in questo dai paesi G-7, attraverso il più ambizioso programma internazionale per la protezione dell’ambiente mai concepito. Il paese è inoltre impegnato alla Consulta comunità internazionale queste scorte quando essi potrebbe essere interessate da progetti sulle loro terre. Ma il complesso della diga Belo Monte messo in questione tutti questi principi consolidati: i popoli indigeni non sono stati consultati prima dell’inizio dei lavori. Queste affermazioni di fatto oggi sono riconosciute e criticate dalle Nazioni Unite, che ha richiamato l’attenzione in Brasile dal 2009. La Commissione interamericana dei diritti umani, l’organizzazione internazionale del lavoro, il Tribunale federale brasiliano hanno già chiesto tutti al cambiamento di atteggiamento Brasile e rispettare i loro impegni, specialmente la previa consultazione con le popolazioni indigene. In risposta, pratica Brasile politica della sedia vuota, quando è convocato a Washington, rimpatriati suo ambasciatore e nomina i giudici ordinò di annullare qualsiasi conclusione contrarie ai loro interessi.Nel frattempo, deforestazione wreaks scompiglio al fine di dare modo a un’agricoltura estensiva ecologicamente disastrosa che priva di diritti territoriali indigeni e mette letteralmente il loro modo di vita antica.Speranza. 14 Agosto 2012, la decisione della Corte federale regionale della regione prima, adottata all’unanimità dai giudici presenti, punto di riferimento invalida la licenza delle dighe idroelettriche sul Belo Monte e Tele Pires. È stato dichiarato illegale la Speranza. 14 Agosto 2012, la decisione della Corte federale regionale della regione prima, adottata all’unanimità dai giudici presenti, punto di riferimento invalida la licenza delle dighe idroelettriche sul Belo Monte e Tele Pires. Autorizzazioni al costrutto dato dal Congresso nazionale è stato dichiarato illegale. Il motivo è che non erano precedentemente consultati il progetto con le popolazioni indigene interessate. Hanno ordinato l’arresto dei lavori lo stesso giorno, pena una multa di 200 000 euro al giorno. Giustizia e garante della democrazia, ha trionfato. La notizia fa il giro del mondo e le organizzazioni non governative annunciano l’evento con la saggezza di rigore. In passato, l’amministrazione di Dilma ha già costretto tutti i blocchi di legali e costituzionali progettati per impedire il progetto. Saranno cose diverse, oggi, dopo il discorso di Rio + 20? Mentre la Coppa del mondo di calcio e i giochi olimpici di Rio sono profilate e ora che la mobilitazione contro Belo Monte è stata universalizzata?Rabbia. 28 Agosto 2012, resistenti al ricevere conferma che non può aspettarsi qualcosa di più che la giustizia del suo paese, che non sono autorizzati a sedersi allo stesso tempo completamente brasiliano in un paese che, dopo un’esperienza lunga militare, ha inaugurato una nuova forma di dittatura, abilmente dissimulata con i suoi motivi di potenza economica emergente e indigeni. Infatti, Presidente della Suprema Corte Ayres Britto ha appena autorizzato la ripresa della costruzione di Belo Monte e, quindi, di sospendere la decisione del 13 agosto, senza alcuna indagine precedente e su richiesta del governo brasiliano. Compiuta la notte del 23 agosto, la paralisi dei lavori, dopo mesi di battaglie legali, ci sarà resistiti quattro giorni di cui due se prendiamo in considerazione il fine settimana. Tutto questo per che? Il 4 settembre, spetta la richiesta del pubblico ministero al Presidente della Corte Suprema a riconsiderare la sua decisione. Il procuratore generale della Repubblica, Roberto Gurgel, e generale Vice-Procuradora, Deborah Duprah ricordo che il Congresso nazionale avrebbe dovuto consultare gli indiani prima della pubblicazione delle opere di Belo Monte. Stanno andando ad ascoltare?Peggio ancora, una sconcertante informazioni arma ancora una volta una grande quantità di confusione e rende ancora più sospettano la determinazione dello stato brasiliano: Belo sole Mining Corporation, una società canadese, è pronto a sfruttare un deposito d’oro nuovo scoperto a 15 km del complesso diga di Belo Monte. Il rapporto dell’impatto ambientale del progetto ci informa che il grande progetto di sfruttamento dell’oro in Brasile sarà fornito da… Belo Monte! Sei tu veramente idroelettrica volti a alimentando le città del sud in energia? È difficile da credere quando si studia la storia drammatica dell’industrializzazione dell’Amazzonia durante gli ultimi quaranta anni.Le popolazioni indigene, associazioni e movimenti di tutela dei diritti umani e dell’ambiente: tutti riportavano una mascherata. Brasiliana e internazionale della società civile (movimento goccia d’Água, Movimento Xingu Vivo Para Siempre, Avaaz, Amazon Watch, Planète Amazone…) hanno espresso, hanno presentato una petizione… invano. Pertanto, i lavori iniziarono nuovamente come se niente e nell’indifferenza generale. Tuttavia, questo evento è il segno di una punta del paese verso una forma di autoritarismo economico che fa pensare della Russia di Putin o il risvegliato dall’inizio del XXI secolo Cina.I popoli del mondo sono state giocando il loro futuro in Rio + 20, popoli indigeni giocano la sua vita nello stato della per. Come se la Coppa non è abbastanza piena, oltre che la negazione della giustizia, viene aggiunto che può essere descritto senza esagerazione di vera persecuzione il Brasile di Dilma Rousseff contro i popoli indigeni del paese che corre. Questo mese, il governo brasiliano emesso l’ordinanza 303 che prevede di rivedere al ribasso, secondo gli interessi dello stato, i confini delle terre indigene, ottenuti a forza di grandi lotte, sta dando priorità ai progetti industriali sulla destra verso la terra di questi popoli minacciati. Allo stesso tempo, il Brasile vuole riformare il codice forestale sotto l’influenza della foresta e gli operatori di macchinari agricoli Hall. Anche se il Presidente Dilma Rousseff era già un veto parziale, modifiche al codice forestale del 1965 consentirà l’appropriazione di terre indigene da coltivatori che poi possono rivendere a grande industria agro-alimentare. Gli autori degli insediamenti illegali nei territori indigeni non essere espropriati ma amnistiati. Un’aspirazione di aria per tutti coloro che bramano la loro terra. Lei ha detto “valore di prova” e “‘ assumersi le proprie responsabilità” “?Opposizione alla costruzione della diga di Belo Monte complessa è non una lotta fra molti altri. Pertanto, i cittadini del mondo sono ogni giorno numerosi per esprimere il suo sdegno contro l’ostinazione del Presidente Dilma Rousseff per voler continuare ad ogni costo quel progetto molto deriso, cui danno collaterale pesava molto sulle generazioni future. Belo Monte è un simbolo perché attacca il cuore della foresta amazzonica, il “polmone verde” del nostro pianeta, la difesa naturale contro i cambiamenti climatici e le loro popolazioni più emblematici, tra coloro che il popolo di Raoni di Cacique di lingue Kayapó, figura davanti alla lotta per la conservazione della foresta pluviale amazzonica per più di 40 anni. A simbolo, perché Dilma Rousseff tenta di imporre alla volta quando l’umanità è al bivio, quando sappiamo già che la distruzione dell’ambiente dell’ambiente e degli ecosistemi essenziali per la vita è un percorso suicidario alla nostra specie. A simbolo, perché i modelli di sviluppo brutale confronto due: nella nostra civiltà e dei popoli prime, mentre una convivenza intelligente e vantaggiosa per tutti è facoltativa. Fare il Belo Monte progetto genera una domanda cruciale: che cosa può ancora essere il luogo della natura e della vita del regime economico e l’uomo della società del XXI secolo?Paesi sviluppati sono complici di questa inversione della legge in Brasile. Partecipiamo attivamente alla violazione dei diritti umani in questo paese che consente alle società europee di firmare i contratti dello stato brasiliano. Oggi, Alstom, GDF Suez, Voith Siemens e Andritz sono associati nei progetti di dighe in Amazzonia, tra cui dighe gigante, che non sono fonti di energia verde. Lo stato è a volte un azionista di queste imprese e investire i soldi delle nostre tasse la distruzione dell’Amazzonia e i suoi popoli. Possiamo non più zitto e aspettare per il ballo diplomatico dell’ONU a fare il suo lento e bella opera di salvaguardia.Noi crediamo che il governo francese ha il dovere di condannare l’atteggiamento del Brasile e denunciare questa giustizia imbavagliata al servizio di un guadagno economico a breve termine.Pensiamo che il governo francese ha il dovere di non spendere i fondi pubblici su progetti che si fanno beffe dei diritti umani e distruggono ecosistemi insostituibili e vitali per il nostro futuro comune.Oggi più che mai, le persone hanno a che fare con il loro destino. Noi, cittadini francesi, non dimentichiamo che siamo anche cittadini europei e cittadini del mondo; Dobbiamo essere pronti a boicottare le aziende francesi, europei e altri che sono complici di tali manovre. Come consumatori, abbiamo la capacità di fare scelte rispetto ai nostri fornitori di energia domestica, richiedono una tracciabilità perfetta per il legno che usiamo per la soia, carne, pelle, alluminio e olio di Palma importato da Amazon che consumiamo, spesso senza saperlo abbiamo (tutti questi prodotti sono i fattori principali di deforestazione).Perché la democrazia brasiliana Dilma Rousseff Presidente sta diventando una dittatura economica che ha schiacciato l’uomo e la natura; alcuni già chiedere atleti francesi pensare a boicottare i mondiali nel 2014 e le Olimpiadi nel 2016, entrambi in programma a Rio de Janeiro, se la sesta potenza del pianeta non modifica i criteri di queste scadenze. Riteniamo comunque che è necessario agire ora, nella nostra vita quotidiana, alla fine la nostra partecipazione a questa morte prevista dell’Amazzonia e i suoi popoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =