Sarroch: Fermiamo il degrado di Antigori.

 

Proprio dietro la Saras in territorio di Sarroch, località Antigori (in sardo, luogo di cose antiche), vi è una testimonianza, che molti non conoscono, unica nel suo genere in Sardegna.

Parliamo del sito archeologico che sovrasta la collina della omonima località. In questa area insiste una fortezza micenea (avamposto fortificato) realizzato da questo popolo ancor prima che venisse utilizzato dai nuragici.

Ne sono testimonianza non solo le tecniche costruttive (Vedasi la Tholos del nuraghe principole) ma anche la significativa quantità di reperti archeologici rinvenuti, fra cui frammenti di vaso policromo con figure geometriche e stilizzazioni di animali e la piccola ascia bipenne rinvenuta negli anni ‘80 da chi scrive, proprio in una delle tante cavità della collina .

Dopo la doversa segnalazione alla Soprintendenza Archeologica di Cagliari e Oristano e i relativi studi curati dalla Dottoressa Cerruti, Antigori è stata abbandonata all’incuria.

Recentemente, nel corso di un  ennesimo sopralluogo si è potuto appurare che tutta l’area è oggetto di scavi abusivi, asportazioni di reperti, danneggiamenti alle strutture con scritte (realizzate con vernice pianca) sulle pareti della collina.

Come se non bastasse, degli sconosciuti, hanno sfondato la parete della struttura, che fra l’altro ci risulta essere l’unica struttura micenea la cui copertura a volta (tholos) è ancora intatta, indebolendo non poco la già precaria staticità dell’intera costruzione.

Per quanto esposto si chiede un urgente intervento finalizzato alla salvaguardia della struttura la cui conservazione non può e non deve essere ulteriromente procrastinata.

 

Nell’augurarci che la presente, almeno questa volta abbia positivo riscontro, ci è sembrato indicato salutarvi con un celebre motto latino che, nella fattispecie, ci si auspica non debba riferirsi al nostro caso:

 

 "Cui prodest scelus, is fecit"

 

Distinti saluti

 

Prof. Roberto Copparoni

Già Ispettore onorario Soprintendenza Archeologica di Cagliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × uno =