Un appello per l’Abbruzzo

Da Rosaria Congiu riceviamo e volentieri pubblichiamo 

 

Date: 8 aprile 2009 15.24

 

Care/i amiche/i,

vi inoltro l’appello-invito di Maria Assunta Calvisi, direttore artistico del Teatro Civico di Sinnai e mia cara amica.

Se potete, diffondete la mail ai vostri contatti e a chiunque voglia esprimere la propria solidarietà alla popolazione abruzzese.

Grazie

Rosaria

 

 

"Gentile pubblico e amici tutti, mi rivolgo a voi in un  momento di estrema gravità.

Come molti di voi sanno io sono abruzzese, per l’esattezza di Fossa, unbellissimo borgo di 800 anime conosciuto per le sue stradine caratteristiche piene di archi, i palazzi antichi,

la torre medievale, la chiesa del ‘200 con gli affreschi della scuola  di Giotto, il monastero cistercense, il Convento simile alle meteore  greche del 1400, ecc.. ecc…

Io sono nata e cresciuta in questo paese, lì ho giocato da bambina e sono diventata donna. Conosco tutti gli  angoli più nascosti e tutti gli abitanti,ad uno ad uno.

Ogni anno torno d’estate per la sagra della bistecca, una

festa fortemente sentita dalla gente, a cui tutto il paese partecipa.

Quest’anno sono tornata a Natale perchè avevo voglia di risentire quel freddo secco che

ti toglie il respiro e di rivedere il mio paese sotto laneve.

Da due giorni tutto questo non esiste più. Il mio paese si è dissolto nel nulla. Io sono qui attaccata al telefono che aspetto notizie e cerco di rintracciare amici e parenti. Con un senso totale di impotenza. Ieri  sera mi sono detta che qualcosa posso e devo fare.

Per questo ho organizzato una serata (giovedi 9 aprile alle ore 20.30)

presso il Teatro Civico di Sinnai, a cui parteciperanno artisti vari, per raccogliere fondi per il mio paese. Vi sto quindi vivamente invitando a partecipare a questa serata dove potrete

anche solo entrare per il tempo di lasciare un’offerta libera.

Se non potete giovedi, mettetevi in contatto con il Teatro di Sinnai, vi diremo noi cosa fare.

Grazie di cuore.

Maria Assunta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =