Uno tsunami

 

Roberto Copparoni con Grazia Francescato neo Presidente dei Verdi nel corso dell’Assemblea di Chianciano 18/19/20 luglio 2008 

 

"Uno tsunami si è abbattuto sul nostro partito (Verdi) e sulla Sinistra Arcobaleno: con un paradosso beffardo, si può dire che il clima politico è ancora più minaccioso di quello planetario": a parlare è Grazia Francescato, deputata Verde e candidata della Sinistra Arcobaleno in Piemonte, intervistata tempo fa a Roma in occasione della 5^ giornata Verde, dedicata al cambiamento climatico.

"Noi eravamo consapevoli che i poteri forti avrebbero risposto con virulenza alle nostre battaglie: per esempio, al tentativo di bloccare il Cip 6, i 50 miliardi di euro in 10 anni, pagati di tasca nostra con la componente A3 della nostra bolletta, per finanziare la combustione degli scarti petroliferi e gli inceneritori. La famigerata truffa – aggiunge – che equipara l’energia prodotta dall’incenerimento a quella da fonti rinnovabili.

Ci siamo riusciti, grazie anche agli altri partiti della Sinistra Arcobaleno, e in perenne braccio di ferro non solo con il centro destra – ricorda Francescato – ma anche con larga parte dell’attuale Pd. Sapevamo che ce l’avrebbero fatta pagare cara, e infatti ecco che esce puntuale l’attacco contro Pecoraro, guarda caso in piena campagna elettorale. Dobbiamo stare saldi nel vortice, si tratta di accuse davvero incredibili e tutto deve essere chiarito fino in fondo, ma di questo si occuperà la magistratura. Noi continuiamo a occuparci – afferma la deputata Verde – dei nostri temi e della campagna elettorale, e chiedo a tutto il partito di fare altrettanto, di non mollare".

0 commenti su “Uno tsunami”

  1. I Verdi danno fastidio agli imprenditori e ai costruttori, si sa. Anche se non capisco la tendenza di anlcuni esponenti del sole che ride a fare l’occhiolino alla PDL.

  2. Per fortuna ci sono anche degli imprenditori illuminati.

    Ma sbagli in una cosa. L’occhiolino al PDL non lo stiamo faecndo noi, ma altri come sardisti, socialisti e UDC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =