Il nostro programma: ?Generare consapevolezza per il buon governo della città?

Considerare l?ambiente, naturale o umano come un valore in se, al quale rapportarsi in modo responsabile e funzionale

Contribuire ad esaltare l?identità e l?appartenenza alla comunità cittadina e diffondere il valore ?comunità di destino? dei residenti.

Sviluppare la conoscenza delle proprie specificità e risorse e favorire la massima fruizione dei siti e monumenti mediante l?assegnazione temporanea a privati, Associazioni, Circoscrizioni, Comitati, Scuole e Condomini.

Incentivare la partecipazione dei cittadini alla vita della città e alla salvaguardia delle sue caratteristiche (paesaggistiche, monumentali, storiche, ambientali, ecc.) e creare in tutti i residenti quel comune senso diffuso e condiviso di ?padronanza territoriale?

Coinvolgere i cittadini nella vita dell?Amministrazione attraverso la modifica dell?URP, garantendo una partecipazione degli stessi volontaria e gratuita e promuovere ?Campagne di sensibilizzazione? su temi strategici per la vita e il benessere della città.

Favorire la mobilità urbana e la pedonabilità del Centro storico, intesa come valore aggiunto per gli esercizi commerciali, le botteghe artigiane e per elevare la qualità della vita. Ampliare le ZTL estendendo i ?pass? anche agli operatori economici e socio-culturali

Creare una Ostello della gioventù presso l?ex Ospedale Marino, aree attrezzate per la sosta di Camper, Campeggi urbani, favorire lo sviluppo della pesca turismo e dell?ittiturismo. Recuperare a fini di fruizione pubblica le strutture e le aree dimesse dalle Amministrazioni militari

Recuperare le aree degradate come Torre della IV Regia, Sa Scafa, Giorgino, Campo Scipione, Santa Gilla, Sant?Elia, Tuvumannu, Tuvixeddu, ecc.

Sviluppare una attività di forte collaborazione fra l?Amministrazione comunale, organismi privati e le scuole di Cagliari e sviluppare delle programmazioni di ?sensibilizzazione urbana? tendente a far conoscere l?ecosistema urbano con i suoi punti di forza e di debolezza e ad educare all?uso responsabile delle risorse, al corretto trattamento, diversificazione e raccolte dei rifiuti urbani e al risparmio energetico.

Recupero delle aree e strutture comunali per iniziative sviluppate dagli attori locali (Associazioni, comitati, condomini, negozianti, scuole, ecc.)

Recuperare, previa bonifica le aree di San Bartolomeo, Sant?Elia, e sviluppare dei parchi urbani, strategici e funzionali per lo sviluppo delle aree di pertinenza e per combattere il degrado di luoghi e di persone.

Sostenere il terzo settore come settore di dialogo, sostegno e di crescita della comunità urbana

Sviluppare la multiculturalità e il confronto non solo fra le differenti componenti la società urbana ma anche fra le nuove e vecchie generazioni

Recuperare il senso della mediterraneità di Cagliari e della Sardegna in generale; il ruolo di Capitale di incontro e confronto fra le diverse culture che si affacciano nel Mediterraneo.
In altri termini uscire dall?ottica localistica e proiettare la città in un contesto di soggettività internazionale.

Riconsiderazione dei?Centri culturali? in rapporto non al fatturato ma alla reale crescita della collettività e rivalutazione del turismo urbano (anche speleologico) e delle professioni turistiche come strumento di benessere socio economico e di promozione della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =